• RSS
    • Archivi

    • Categorie

    • Tags

    • Reporters

        

  • Cooperazione tedesca: stop alla corsa alle terre

    aprile 12, 2012
    by Alessandro Pasotti

    Stop al land grabbing(Copyright www.celsias.com)

    Cresce vertiginosamente la domanda di prodotti agricoli, tuttavia gli investimenti nel settore non sfruttano appieno le opportunità che valorizzerebbero la riduzione della povertà.

    Il documento pubblicato dal Ministero federale tedesco per la cooperazione e lo sviluppo economico (BMZ) che in tutto il mondo negli ultimi dieci anni circa 200 milioni di ettari sono stati sfruttati per questo tipo di investimenti, di questi oltre 130 milioni si trovano in Africa.

    Il dottor Stefan Schimtz, il responsabile dello sviluppo rurale di BMZ afferma: “La ruralità e lo sviluppo economico sono al centro di tutte le politiche eco compatibili e andrebbero valorizzate maggiormente”.

    Continua lo studioso: “Come testimonia la nostra posizione sui biocarburanti, lo sviluppo sostenibile è al centro del nostro lavoro. La povertà, la fame e il sottosviluppo non possono essere combattuti se non con la valorizzazione del territorio.”

    In questo modo i politici che si occupano di sviluppo saranno testimoni degli investimenti agricoli nel sud del mondo con la riscoperta delle zone rurali.
    Il rischio che si corre in questi campi è che non vi sia grande interesse nell’investire in questi campi.

    “Il nostro intento -continua Schmitz- è quello di mobilitare i capitali privati su larga scala in modo da sradicare completamente la povertà, la fame ed il sottosviluppo in quei paesi che da sempre soffrono di un eccessivo sfruttamento delle loro terre. Questo fine sicuramente giustifica l’utilizzo di fondi pubblici di modo da perseguire un risultato positivo in tempistiche brevi.”

    Lascia un Commento

    © 2011-2014 Stefano Valentino, Reporters for Interactive, Collaborative and Specialized Information (RICSI) All Rights Reserved -- Copyright notice by Blog Copyright