•  

                    

              • Lo sviluppo richiede l’uso locale delle risorse

                maggio 25, 2012
                by Angela Faloppa

                IIED promuove il controllo locale delle risorse (Copyright upsides)

                Un nuovo paper dell’Istituto Internazionale per l’Ambiente e lo sviluppo (IIED) sollecita i governi a investire sulla capacità di ripresa, a potenziare il controllo locale delle risorse naturali, e ad attribuire un vaolre realistico ad ambiente e benessere umano, al fine di orientare la società verso un futuro più sicuro.

                L’appello giunge in vista della conferenza Rio +20, che vedrà i leader mondiali riunirsi per concordare come affrontare le sfide che ambiente e sviluppo pongono all’umanità.

                IIED raccomanda di agire in 3 aree: controllo locale, capacità di ripresa e metodi di valutazione.

                In primo luogo, i dati mostrano che il controllo locale delle risorse naturali è il modo migliore per garantire investimenti nonchè l’uso sostenibile di foreste, acqua, suolo e altre risorse, fornendo al tempo stesso posti di lavoro, profitti e mezzi di sussistenza sicuri sia nelle aree urbane che in quelle rurali.

                In secondo luogo, gli shock ambientali, economici e sociali stanno diventando più comuni: basta pensare alle condizioni climatiche estreme, alla volatilità dei prezzi cibo e carburante, all’instabilità finanziaria. Soluzioni possibili sono date da norme che diano priorità ad una capacità di adattamento a lungo termine, da attività economiche diversificate, e da una crescita capace di resistere ai cambiamenti climatici.

                Infine, i veri costi e benefici ambientali non appaiono sui bilanci; il PIL viene utilizzato per misurare lo sviluppo pur sapendo che non riflette il benessere umano e nonostante la sua capacità di  mascherare gli aspetti insostenibili della crescita.

                Il documento mostra come la riunione di giugno a Rio sia un’opportunità per i leader di promuovere il cambiamento in queste tree aree.

                “Le crisi ambientali, sociali e finanziarie che abbiamo di fronte sono interconnesse, e così sono le loro soluzioni”, spiega il direttore dell’ IIED, Camilla Toulmin. “Dopo quattro decenni di ricerca sui legami tra ambiente e sviluppo, il nostro istituto ha individuato dei modi realistici, realizzabili ed efficaci per rimodellare il nostro futuro e creare un mondo più equo, verde e sicuro.”

                Lascia un Commento

                © 2011-2016 Stefano Valentino, Reporters for Interactive, Collaborative and Specialized Information (RICSI) All Rights Reserved -- Copyright notice by Blog Copyright