• RSS
    • Archivi

    • Categorie

    • Tags

     
    • Authors

        

  • Nuove strategie per l’eco-energia a Rio+20

    luglio 5, 2012
    by Valentina Zammarano

    Energia e sostenibilità (Copyright Ecogiornale)

    Un nuovo report rilasciato dall’Istituto Internazionale per i Sistemi di Analisi Integrati (IIASA) durante la Conferenza delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile (Rio + 20), individua 60 alternative energetiche sostenibili.

    L’analisi del Global Energy Assessment (GEA) coinvolge specialisti provenienti da un ampio spettro di discipline interconnesse con i temi energetici: sono più di 500 gli scienziati, politici, specialisti del settore, intervenuti da 70 paesi diversi.

    La valutazione descrive 60 percorsi alternativi  per lo sviluppo di politiche di energia sostenibile e ne identifica 41 in grado di soddisfare contemporaneamente i seguenti criteri: accessibilità universale all’energia a prezzi non proibitivi, maggiore sicurezza energetica a livello locale e nazionale,  contenimento del cambiamento climatico, miglioramento delle condizioni di salute per l’uomo e l’ ambiente.

    La sfida richiede un efficace implemento del sistema energetico, e  indica ai responsabili politici metodi praticabili per raggiungere gli obiettivi in rispetto della sostenibilità entro il 2050.

    Alcuni risultati potrebbero essere ottenuti grazie all’applicazione della direttiva sull’efficienza energetica dell’Unione Europea.

    Questa transizione richiederà  un forte investimento sia per migliorare l’efficienza delle infrastrutture energetiche, con particolare cura ai trasporti  e alla progettazione degli edifici, che per garantire il passaggio da un sistema energetico basato su combustibili fossili a uno fondato sull’uso delle fonti energetiche rinnovabili.

    A questo scopo è previsto un aumento necessario degli investimenti dagli attuali 1,3 trilioni di dollari annui (più di un trilione di euro) a 1,7 trilioni di dollari (pari a circa 1,35 trilioni di euro), per un totale paragonabile a circa il 2 per cento del prodotto interno lordo mondiale corrente.

    Tuttavia i benefici ripagheranno gli investimenti: una maggiore efficienza energetica, l’uso delle energie rinnovabili, il trasporto dei combustibili sintetici, i biocarburanti, lo stoccaggio della CO2, sono strategie che favoriscono il raggiungimento degli obiettivi paralleli della crescita economica, dell’occupazione, della sicurezza energetica, del miglioramento della salute umana e della tutela ambientale.

    Lascia un Commento

    © 2011-2014 Stefano Valentino, Reporters for Interactive, Collaborative and Specialized Information (RICSI) All Rights Reserved -- Copyright notice by Blog Copyright